Unisciti alla community di Isagro

Se sei un utente già registrato
Se non sei un utente registrato, fallo ora
SI   NO       Acconsento all’invio di comunicazioni informative tramite e-mail (newsletter) secondo quanto indicato nell’informativa.


* Campi obbligatori
Inserisci il tuo indirizzo di posta. Invieremo un'email con le istruzioni per impostare una nuova password
|

News | DAL MONDO ISAGRO

05 Agosto 2019

18° FESTIVAL PAGANINIANO DI CARRO


Siamo nel XVIII anno di questa manifestazione nata e ancora ‘residente’ nelle colline dell’ Alta Val di Vara, che prende il nome dall’omonimo fiume che irrora la zona, infatti verdissima, della Liguria levantina. Questa valle cugina delle vicine Cinque Terre – di esse meno nota ma negli anni sempre più conosciuta dal turismo che affolla le ben più celebri Monterosso, Vernazza e così via – si è vista abitare persino da personaggi illustri come Niccolò Paganini. Il grande compositore e violinista, natìo di Genova, talvolta raggiungeva i nonni, che abitavano nel delizioso paesino di Carro, e vi trascorreva lunghi periodi a scrivere e a produrre opere d’arte. Ebbene, ogni anno da 18 anni, nella serata del primo sabato di metà luglio, un concerto di musica classica ispirato o dedicato al grande Maestro prende forma e inebria le orecchie e l’immaginazione dei fortunati presenti. E lo fa nella piazzetta di Carro di fronte alla Chiesa, contando su un tempo clemente. Il contributo musicale - a dir poco prezioso, qualitativamente ineccepibile e sempre vario - che ogni anno caratterizza la stagione dei concerti paganiniani, è tale grazie all’intervento della Società dei Concerti di La Spezia, sotto la guida esperta di Bruno Fiorentini. Al concerto d’apertura di quest’anno, avvenuto lo scorso 13 luglio, gli spettatori sono rimasti colpiti dalla notevole bravura del violinista sul ‘palco’ e dalla sua età: Kevin Zhu ha, infatti, un curriculum altisonante e solo 18 anni. È anche il vincitore del prestigioso Premio Violinistico Paganini di Genova 2018, nonchè il più giovane nella storia del premio. La pianista Valentina Messa lo ha abilmente accompagnato al pianoforte, dando vita con lui alle note di ‘Three Preludes for Violin and Piano (trascr. Heifetz)’ di George Gershwin, ‘Violin sonata in B-flat major, K.454’ di Wolfgang A. Mozart, Violin sonata no. 1 in A minor, opus 105 di Robert Schumann e, dulcis in fundo, Variations on 'I palpiti', Op.13 di Niccolò Paganini. Grazie alla determinazione della Presidentessa dell’ Associazione ‘Amici del Festival Paganiniano di Carro’, Monica Amari Staglieno, il Festival Paganiniano di Carro, con il suo virtuosismo musicale e la particolare attenzione alla scelta di gruppi e solisti internazionali che si ispirano a Niccolò Paganini, ha ricevuto la EFFE Label per il biennio 2015-2016, un riconoscimento d'eccellenza conferito ai migliori festival europei, ed è entrata a far parte della piattaforma internazionale EFFE, per professionisti ed appassionati di festival in giro per l’Europa. È la ‘Italian creativity’ che accomuna profondamente Isagro e il Festival Paganiniano di Carro, del quale la nostra società è lo Sponsor principale fin dall’inizio. Isagro aiuta la cura dell’ambiente ovunque, come le preziose note di Paganini aiutano lo spirito e diffondono cultura nel mondo. Creatività e innovazione vanno a braccetto, come la realtà Isagriana e la magia Paganiniana. Arrivederci dunque al prossimo appuntamento con la Grande Musica in Val di Vara: sabato 27 luglio alle ore 21 il violinista Stefan Milenkovich si esibirà nella Piazza della Chiesa a Carro.


DOMANDE E RISPOSTE
per aggiungere una domanda
0 DOMANDE E RISPOSTE