Unisciti alla community di Isagro

Se sei un utente già registrato
Se non sei un utente registrato, fallo ora
SI   NO       Acconsento all’invio di comunicazioni informative tramite e-mail (newsletter) secondo quanto indicato nell’informativa.


* Campi obbligatori
Inserisci il tuo indirizzo di posta. Invieremo un'email con le istruzioni per impostare una nuova password
|

News | IN TEMPO REALE

03 Novembre 2018

CASTAGNA DOC

Rotonda, bianca, croccante, gradevolmente dolce. È la castagna di Montella, una ‘reginetta’ nella vasta compagine delle castagne italiane, dotata già di due titoli che le permettono di viaggiare nel mondo come una eccellenza italiana. Questo frutto che si coltiva in una ben precisa zona dell’avellinese, infatti ha ricevuto nel 1987 la Denominazione di Origine Controllata (Doc), risultando – all’epoca - unico caso in Italia di prodotto ortofrutticolo. Il 14 luglio 1992 la Commissione UE ha attribuito alla Castagna di Montella il riconoscimento di Indicazione geografica protetta (Igp), a tutela della genuinità e la tipicità del prodotto, individuandone l'area di origine e produzione, nella stessa dove deve avvenire la trasformazione. Successivamente è stato costituito un Consorzio di tutela al fine di vigilare alla corretta applicazione del disciplinare.

Tutto (o quasi) sulla Montella

Il disciplinare delimita un'area di produzione della "Castagna di Montella" IGP ai territori di Montella (dove si concentrano i due terzi della superficie, Calabritto, Bagnoli Irpino Nusco, Cassano Irpino, Volturara Irpina e una parte del comune di Montemarano e precisamente alla contrada Bolifano.

L'altezza designata per i castagneti è tra i 500 e i 1000 metri, su terreni con esposizione favorevole, in modo da conferire al prodotto le specifiche caratteristiche di qualità. Sesti di impianto, potature, raccolta devono essere quelli tradizionali e sono proibite tutte le pratiche di forzatura. La "Castagna di Montella" deriva almeno per il 90% dalla varietà "Palummina" e, per il restante 10% al massimo, da altre varietà e in particolare dalla "Verdola".

Nel 2012 le coltivazioni sono state decimate dal cinipide galligeno del castagno.

Se la conosci non la eviti: tutti alla sagra

Anche quest’anno la città di Montella rinnova l’appuntamento con la Sagra della castagna, giunta ormai alla sua 36esima edizione. L’appuntamento è per i giorni 2, 3 e 4 Novembre, in cui si apriranno le porte della stupenda città irpina e lo scenario dei suoi verdi monti ai numerosi visitatori che potranno ammirare tutti i luoghi di interesse, grazie ad un nutrito programma di visite ed attività della Pro Loco Montella Alto Calore. La Sagra della Castagna di Montella, che nel 1977 quando nacque era poco più di una festa di quartiere, è diventata oggi uno degli eventi di punta del Mezzogiorno e una delle manifestazioni dell’enogastronomia più importante del Sud Italia. Basti pensare che la scorsa edizione ha registrato ben oltre le 100.000 presenze, numeri che nulla hanno da invidiare a quelli di manifestazioni fieristiche ben più conosciute. Le attività previste dal ricco programma hanno l'intento di far conoscere, valorizzare e degustare un frutto molto ricercato, fra cui non mancano gli appuntamenti tecnico-scientifici organizzati per permettere lo scambio di informazioni alle aziende coinvolte nel settore (sono previsti ben 150 stand espositori). Mostre ed esposizioni, approfondimenti e focus tematici, con il contorno di ingolosenti stand gastronomici e spettacoli allestiti sia sui quattro palchi che itineranti, incoroneranno la autentica “regina d'autunno”.

https://prolocomontella.it/index.php

https://www.sagra.castagnamontella.it/

DOMANDE E RISPOSTE
per aggiungere una domanda
0 DOMANDE E RISPOSTE