Unisciti alla community di Isagro

Se sei un utente già registrato
Se non sei un utente registrato, fallo ora
SI   NO       Acconsento all’invio di comunicazioni informative tramite e-mail (newsletter) secondo quanto indicato nell’informativa.


* Campi obbligatori
Inserisci il tuo indirizzo di posta. Invieremo un'email con le istruzioni per impostare una nuova password
|

News | IN TEMPO REALE

03 Aprile 2020

LA PATATA DEL FUCINO: UN IGP DA PRIMATO

13mila ettari di terra fertile, 3mila aziende agricole, 15mila lavoratori tra addetti e indotto, 2 milioni di quintali di patate e circa 1,2 di carote per un fatturato di alcune centinaia di milioni di euro.

Questi i numeri della Valle del Fucino nella Marsica in Abruzzo. Una terra record con patate e carote Igp, ma anche finocchi e insalate, che nemmeno il Coronavirus sta fermando, anzi la richiesta di patate e carote cresce.

«Il dramma che stiamo vivendo e la ultima restrizione ci responsabilizza ancora di più perché dobbiamo garantire la corretta e sana coltivazione e la distribuzione alle famiglie italiane - spiega all’Ansa Mario Nucci, direttore del Consorzio di tutela Igp patata del Fucino, struttura riconosciuta dal Ministero dell'Agricoltura, che riunisce tutti i produttori - Le aziende agricole sono al lavoro regolarmente con tecnologie all'avanguardia sia nella produzione sia nella sicurezza e nell'igiene, naturalmente hanno adottato tutte le misure di contenimento, in tal senso siamo avvantaggiati dal fatto che si lavora all'aperto.»La Patata del Fucino IGP presenta forme variabili che vanno dal tondo al tondo-ovale. Il calibro parte dai 35 mm per arrivare agli 80 mm. La buccia non si distacca dalla polpa mentre la pasta è soda e non presenta cedimenti alla pressione. Il colore varia dal bianco a diverse tonalità di giallo. La parte edibile non è inferiore al 95%.

La coltivazione ha luogo sul fondo dell’omonimo lago Fucino prosciugato e bonificato nel 1875 e posto a 700 m s.l.m. La Patata del Fucino IGP deve essere conservata in contenitori (bins) alla temperatura di 4-10°C ed umidità relativa compresa tra 88 e 95%. I tuberi possono sostare in frigo anche per lunghi periodi e fino a un massimo di 9 mesi. Grazie alle sue caratteristiche e composizione, la Patata del Fucino IGP si presta alla preparazione di impasti vari, ad esempio per gli gnocchi, ma anche di cotture al forno e fritture, preparazioni di tortini, gateaux e umidi, zuppe e insalate. È l’ingrediente principale per la preparazione della storica zuppa di patate e zucca, tipica del territorio del Fucino.

ISAGRO mette a disposizione degli specialisti della coltivazione della patata ISAGROW PREMIO, la specialità nutrizionale (a base di NPK) frutto della combinazione tra macronutrienti minerali e specifici alcoli grassi a catena lunga, componenti naturali della membrana lipidica della cellula vegetale. ISAGROW PREMIO è l’anticracking per eccellenza oltre ad aumentare la pezzatura delle patate. Si usa con due applicazioni foliari (1L/ha): a inizio fioritura e 20 giorni dopo.

DOMANDE E RISPOSTE
per aggiungere una domanda

ISAGROW PREMIO

Biostimolanti e Nutrizionali

0 DOMANDE E RISPOSTE