Unisciti alla community di Isagro

Se sei un utente già registrato
Se non sei un utente registrato, fallo ora
SI   NO       Acconsento all’invio di comunicazioni informative tramite e-mail (newsletter) secondo quanto indicato nell’informativa.


* Campi obbligatori
Inserisci il tuo indirizzo di posta. Invieremo un'email con le istruzioni per impostare una nuova password
|

News | RICERCA & SVILUPPO

22 Agosto 2019

PROGETTO ITACA PER LE VIGNE VENETE

Nei territori collinari veneti a vocazione viticola ed enoturistica si aggira un problema a due facce: il trattamento fitosanitario in zone di viticoltura eroica e in prossimità di centri abitati. Il problema è di duplice natura in quanto coinvolge non soltanto i professionisti del settore viticolo veneto, una delle eccellenze in Italia per professionalità, qualità dei prodotti e fatturato annuo, ma coinvolge anche la popolazione residente sempre più preoccupata per le ricadute sanitarie ed ambientali della difesa fitoiatrica alla vite.
Per affrontare il problema  è nato il progetto ITAca messo a punto dall’Università di Padova.

ITAca mira a risolvere il problema della difesa fitoiatrica nella viticoltura eroica con la costruzione di due impianti fissi pilota in grado di eseguire i trattamenti senza l'intervento degli atomizzatori, riducendo in tal modo l'effetto di deriva dei prodotti fitosanitari, il quale rappresenta la criticità ambientale più impattante per l'ecosistema, oltre ad essere particolarmente inviso alla popolazione.
Il progetto mira inoltre a rendere possibile una difesa fitoiatrica di grande precisione in collina grazie a una modulazione dei volumi di soluzione fitosanitaria in base allo sviluppo fogliare della vite; adeguamento delle potature delle piante in base alle esigenze per un ottimale funzionamento dell'impianto fisso.

La presentazione di un impianto fisso sviluppato dall’Università di Padova insieme al Consorzio tutela vino Soave ha permesso in 20 secondi l’irrorazione di filari senza che l’operatore debba entrare nel vigneto.
L’appuntamento si è tenuto  presso l’azienda Coffele Alberto di Castelcerino di Soave con la presenza dal professor Giuseppe Zanin del DAFNAE (Department of Agronomy, Food, Natural resources, Animals and Environment) dell’Università di Padova.

ISAGROFARM, piattaforma digital di ISAGROinITALIA - il team dedicato all'agricoltura sostenibile e integrata italiana grazie al suo portafoglio di biosolution - darà conto di questa innovazione intervistando a settembre i protagonisti.





DOMANDE E RISPOSTE
per aggiungere una domanda
0 DOMANDE E RISPOSTE